A(nother) Quiet Night at the Kranepool

Incapable of noise, without electricity

Incapable of noise, without electricity

Late autumn is yellow, and then brown. Business travel and tourism fall off like leaves. They flutter in the wind, are briefly tossed by waves before they begin the descent of the continental shelf. The hotel rests in peace. The only the sound comes from the atomic steam dishwasher that turns on automatically when the last few customers have left the Kranepool Bar & Grille. 

That blue neon sign buzzes out for the night.

He dreams of summer

He dreams of summer

Despite the stillness, rounds must be made. The quiet time is when break-ins occur. Bums find a chink in the hotel’s armor and score a free warm, dry place for the night. Management disapproves. If only the winos would learn to clean up after themselves when they vacate the premises. 

A homeless dream of warmth, dryness and freedom

A homeless dream of warmth, dryness and freedom

Night is when kids on their way home from the discotheques in town throw rocks through dark windows. 

Glass transparently transmits its vulnerability

Glass transparently transmits its vulnerability

The flashlight provided by Management is a heavy one, and throws a bright beam to deal with the unexpected. It’s also a potential bludgeon to deal apparitions an unexpected blow.

Darkness and life

Darkness and life

Light and colored glass

Light and colored glass

Surprise comes in two forms: pleasant and unpleasant. 

The best nights are the ones in which no shadows speak. 

No walls drip blood.

No flowers metamorphose into resurrected dead.

No strange women materialize with unwanted news from distant stars.

You don’t want to hear this

You don’t want to hear this

***

Un(‘altr)a notte tranquilla al Kranepool

Sono mute, ma non inespressive

Sono mute, ma non inespressive

Fine autunno è giallo e poi marrone. Il numero delle prenotazioni cade come le foglie morte. Fluttuano danzanti mentre obbediscono alla gravità. Tornano alla terra. L’albergo riposa in pace. L’unico suono viene dalla lavastoviglie industriale che si avvia automaticamente dopo che i pochi ultimi clienti del Kranepool Bar & Grille se ne sono andati. 

Quell’insegna al neon blu sfrigola e si spegne.

Per esprimere il concetto dell’appetito

Per esprimere il concetto dell’appetito

Nonostante la quiete, vanno fatte le ronde. Nei momenti più tranquilli avvengono le irruzioni. I barboni trovano lacune nelle difese della struttura per appropriarsi uno spazio asciutto e caldo dove passare ciò che rimane della notte. La Gestione disapprova. Se solo i senzatetto imparassero a pulire dietro di sé, quando abbandonano le stanze.

I legumi dormono serenamente

I legumi dormono serenamente

I ragazzi che rientrano a casa dalle discoteche in centro lanciano sassi attraverso le finestre scure.

La fragile oscurità attira missili

La fragile oscurità attira missili

La pila fornita da La Gestione pesa. Lancia un potente raggio per illuminare l’inaspettato, ed è una potenziale mazza col quale percuotere apparizioni.

Le sorprese hanno due forme: gradevoli e sgradevoli.

Non aprire quella porta!

Non aprire quella porta!

Le notti migliori sono quelle in cui le ombre non parlano.

In cui le pareti non grondano sangue.

In cui le piante non si trasformano in morti resuscitati.

In cui non si materializzano donne strane recanti notizie indesiderate da distanti stelle. 

Le onde notturne sono le migliori

Le onde notturne sono le migliori

matthew licht