gli ebook della stanza 251 possono essere visualizzati e scaricati gratuitamente in formato PDF

 

di Matthew Licht

fotografie di Baldomero Fernandez

La missione alquanto Zen di un aspirante cuoco messicano, nato quasi sicuramente per errore a nord della linea d'ombra tra Messico e USA. Per arricchirsi di esperienze (necessarie per un cuoco quanto una buona conoscenza delle spezie), intraprende una riluttante ed esilarante apprendistato di tanatoestetico, s'imbarca per una mattanza di gamberi nel Golfo del Messico, e si improvvisa decoratore in uno studio fotografico specializzato in ritratti di soggetti poco fotogenici. Il racconto di mare e cucina si conclude con un fuoco d'artificio di ricette improbabili ma garantite squisite dall'autore.

cover copia 2.jpg

testo e immagini di Enrico Bianda

Enrico Bianda, giornalista di Rete 2, il canale culturale della Radio Svizzera Italiana, presenta un libro di fotografie di viaggio, tutte scattate con pellicola e macchine fotografiche analogiche.
Paesaggi urbani, uomini e donne che attraversano la vita quotidiana, fatta di lavoro, amore, sofferenza. Le fotografie di Enrico Bianda documentano esperienze, pensieri e fughe dentro luoghi sospesi nel tempo, Varanasi, NY City, Stoccolma, Parigi, Dehli.
Un’attenta riflessione sull’uomo e i suoi luoghi, lo sguardo di un giornalista fotografo che con passo lento racconta le trasformazioni silenziose.

 
cover copia 7.jpg

di Stefano Loria

fotografie di Carlo Zei

Sei brevi ma densi racconti. Sei storie speciali attraverso le quali l’autore traccia una sorta di psico-navigazione dentro il proprio passato. Ricostruzioni di fondali esistenziali, ossessioni di fallimento trasformate in simboli di una possibile redenzione, visioni fermate nel tempo. Temi privatissimi si legano ad un più ampio disegno del Malessere Italiano. Le foto in bianco e nero di Carlo Zei, spettrali ed evocative, dialogano in modo molto efficace con le rarefatte atmosfere dei racconti.

cover.jpg

a cura di Carlo Zei e Stefano Loria

Pianoforti a coda, generali romani, treni fantasma, meduse volanti, elettrodomestici ribelli, profezie telefoniche, anime inscatolate, polene parlanti, poesie, adolescenze all’ombra di Jimi Hendrix, gambe amputate, giochi di bambini, amori fra principi e massaie, canguri in giacca, serial killer, tradimenti e undici irriverenti illustrazioni di Paolo Fiumi Questo e altro ancora nella prima antologia di stanza251. Venti autori noti e meno noti compongono, con stili e soggetti diversi, un caleidoscopio di storie brevi e memorabili.

 
cover copia 4.jpg

di Matthew Licht

fotografie di Carlo Fei

L’autore sostiene che si tratta di una vicenda vissuta. Ma non è facile credergli. Dall’iniziale (fallimentare) tentativo del protagonista di suicidarsi nell’oceano, si sviluppa la sua nuova bizzarra vitalità marina e terrestre. In Messico scopre la vocazione di cuoco, e si impone la missione alquanto zen di diventare uno chef messicano. Ma la cucina messicana è diabolicamente complicata; trasformarsi in messicano è impossibile.
La narrazione accompagna il lettore onda su onda, in un divagare tra mari ospitali, cucine infernali, pirotecniche abilità culinarie. 

poesie e immagini di Elisabetta Beneforti

Le poesie e le foto di "In città, più tardi" raccontano di annotazioni sparse ma lucidissime.
Elisabetta cammina ogni giorno per passare da un luogo all'altro, cammina per lasciar scorrere in flusso libero quello che le passa accanto. Allora per lei questo itinerario di scrittura significa seguire collane di pensieri, in sequenze  accavallate o volutamente scombinate. Saranno l'immancabile taccuino e una vecchia macchina fotografica da principiante spassionata a documentare l'ordinario, l'immaginabile, il reale pubblico e privato.

 
cover copia 6.jpg

Poesie e immagini di Stefano Loria

Una raccolta di quindici poesie e immagini. Per Stefano Loria – fondatore insieme a Carlo Zei della rivista on-line Stanza251.com - la scrittura nasce sempre da un esercizio del tutto privato. E’ un diario di arabeschi, illuminazioni e serpeggianti riflessioni. Geografia elabora frammenti di esperienza per formare un paesaggio emotivo di incontri, incanti, delusioni, inseguimenti di felicità difficili. A dialogare con i testi di questa raccolta l’autore ha collocato una serie di fotografie, non semplici illustrazioni ma finestre dalle quali è possibile scrutare un ulteriore orizzonte.

by Matthew Licht

photographs by Carlo Fei

This story arose from a bizarre true-life incident. That American lives consist of endless wandering between cities, relationships, jobs and situations is a cliché that contains a high percentage of truth. The narrator follows an apparently suicidal impulse and winds up in Mexico. He discovers his vocation as a cook, and imposes on himself the faintly Zen mission of becoming a Mexican chef. Mexican cuisine is diabolically complex; turning Mexican’s impossible.
The narration brings the reader, wave after wave, wandering in friendly seas, hellish kitchens, and pyrotechnic culinary talents.